MULIER ARTIFEX

Il progetto ideato e messo in atto da RECEPTIO, accolto come progetto speciale dall'ICCU, mira a recuperare e catalogare le opere frutto del lavoro di 253 autrici letterarie italiane che operarono tra il tardo Medioevo e il primo Rinascimento.

L'ICCU collabora in virtù di un accordo che prevede la progressiva pubblicazione dei dati catalografici e la creazione di una pagina dedicata sul sito di Manus Online. Obiettivo primario del progetto è pubblicare sistematicamente entro il 2026, in formato elettronico, una parte significativa del corpus della lirica femminile italiana delle origini, indicando l’ubicazione dei codici manoscritti che lo tramandano. Scoprite di più sul sito dell'ICCU

Immagine 2021-12-30 165415.png

Sulla base della convenzione siglata lo scorso mese di ottobre tra l'ICCU e il Research Centre for European Philological Tradition (RECEPTIO), nella base dati Manus Online confluiranno le schede descrittive dei codici che hanno tramandato le opere delle autrici, delle copiste e delle miniatrici italiane oggetto della schedatura legata all'iniziativa MULIER ARTIFEX, nell'ambito del progetto Biblioteca Femminile Italiana.
Le attività principali saranno incentrate sul recupero di un grande patrimonio di opere, molte delle quali ancora inedite, e sulla catalogazione in formato elettronico delle stesse, per restituire un quadro completo dell'attività di 253 autrici e della particolarità delle voci poetiche di donna in ambito letterario italiano (dal tardo Medioevo al primo Rinascimento). Obiettivo primario del progetto è pubblicare sistematicamente entro il 2026, in formato elettronico, una parte significativa del corpus della lirica femminile italiana delle origini, indicando l’ubicazione dei codici manoscritti che lo tramandano.
Il progetto intende inoltre render conto dell’attività di artiste impegnate nella produzione libraria nei secoli in questione. Per il nucleo base dell'elenco delle copiste sarà utilizzato, implementandolo, il lavoro "Donne e cultura scritta nel Medioevo" dell'Università di Cassino, mentre la ricerca sulle miniatrici italiane sarà interamente a cura di RECEPTIO e proseguirà sino al mese di aprile 2026.
I dati catalografici verranno raccolti tramite il s/w MOL e resi disponibili all'utenza sia attraverso la ricerca sull'intera base dati, sia sulla pagina predisposta sul sito MOL per il progetto speciale relativo a MULIER ARTIFEX; Allo stesso modo i dati confluiranno all’interno del sito RECEPTIO Biblioteca femminile Italiana.